Sport e multiculturalità

Madre con il bambino sulla pista; Photo: UFSPO / Ulrich Känzig
Photo: UFSPO / Ulrich Känzig

G+S promuove la partecipazione di bambini e giovani con sfondo migratorio nello sport e sostiene i monitori e gli allenatori a gestire in maniera costruttiva la multiculturalità oggi presente nello sport. 

Nella società svizzera la multiculturalità è oramai una realtà. L'offerta sportiva, ampia e varia, si rivolge a tutta la popolazione indipendentemente da sesso, appartenenza sociale o provenienza. Nonostante ciò, da studi recenti condotti nell'ambito delle associazioni sportive emerge che per i bambini e i giovani di origine migratoria è più difficile accedere alle offerte e questo tocca in maniera particolare le femmine, poco presenti nelle associazioni.

Invece nelle discipline ad alta multiculturalità, come ad esempio nel calcio e nella pallacanestro, la sfida consiste nel gestire in maniera costruttiva e etica la presenza di varie culture.

G+S fornisce ai monitori, agli allenatori delle giovani leve, agli esperti e ai coach degli strumenti validi per gestire e promuovere la multiculturalità, per affrontarla in maniera costruttiva e rispondere alle sfide che essa pone. Il modulo dedicato alla multiculturalità nelle associazioni sportive propone suggerimenti, idee ed esempi concreti della pratica per aiutare ad affrontare la multiculturalità negli allenamenti e nel quotidiano dello sport. 

Icona sul tema principale «Sport e multiculturalità»
Icona sul tema principale «Sport e multiculturalità»


Gioventù+Sport Ufficio federale dello sport UFSPO
Hauptstrasse 247
2532 Macolin

E-Mail


Stampare contatto

Gioventù+Sport

Ufficio federale dello sport UFSPO
Hauptstrasse 247
2532 Macolin

Vedi mappa